I germogli: le addizioni esterne


/Users/albertostraci/Desktop/plan odazio 500.dwg

Nella planimetria sopra riportata sono evidenziate in azzurro le addizioni esterne ai servizi che affacciano su Parco Odazio, in relazione ai percorsi di attraversamento pedonale ovest-est (percorso dei cortili) e nord-sud (percorso dei servizi).

La strategia del progetto G124 è infatti quella di far “germogliare” nuove funzioni a partire da piccole addizioni esterne ai servizi che ne amplino le funzionalità e li adeguino dal punto di vista normativa agli standard previsti.    Queste aggiunte esterne che potrebbero essere realizzate con materiali leggeri e tecnologia a secco, permetterebbero ai servizi di continuare a funzionare durante le opere di realizzazione e potrebbero essere utilizzate in compartecipazione tra più servizi, mantenendo accessibilità autonoma rispetto ai corpi di fabbrica pre esistenti.

Esempio: la mediateca-auditorium sul lato est della biblioteca potrebbe essere utilizzata durante le fasce orarie serali anche per le attività associative che si svolgono normalmente nella casetta verde adiacente, mantenendo chiuso l’accesso alla biblioteca; la piccola palestra aggiunta alla casetta verde potrebbe relazionarsi alle attività della zona sportiva all’aperto; nella manica aggiunta sul fronte parco del mercato alcuni spazi potrebbero essere utilizzati a rotazione per fornire informazioni e supporto ai cittadini o come sede di associazioni.

In questo modo i servizi potrebbero “ibridarsi” sopperendo alla carenza di spazi, mantenendo le singole specificità, con un investimento contenuto e circoscritto funzionale anche ad attivare sinergie tra i diversi operatori locali.

Questa circolarità e permeabilità dei servizi ha lo scopo non secondario di animare l’area verde di Parco Odazio trasformandola in una piazza vissuta a tutte le ore del giorno.

Articolo di Chiara Valli

addizioni

Torna Su

Annunci