Il quartiere

Il quartiere Lorenteggio, ex “Quartiere IFACP Renzo e Mario Mina”, viene realizzato negli anni 1938 -1944 dai progettisti Tullio Tollio, Alberto Morone, Fausto Natoli, Guido Baselli, Pietro Della Noce, Ufficio Tecnico IFACP sotto la direzione di Giovanni Broglio.

Proprio nel periodo bellico, tra mille difficoltà, un grande complesso destinato ad ospitare tante persone si faceva strada nella campagna. Le costruzioni, realizzate dall’Istituto Fascista per le Case Popolari, comprende sei isolati tra le vie Giambellino e Lorenteggio.

L’area su cui sorge il quartiere ha un’estensione di circa 134.000 mq, con un volume edificato di 670.000 mc e quindi un indice urbanistico pari a 5 mc/mq.

Il quartiere Lorenteggio é ubicato nel quadrante sud-ovest della città e gode di una posizione favorevole per la presenza di grandi e importanti assi infrastrutturali, nonché per la prossimità ad aree interessate da rilevanti processi di trasformazione urbana con destinazione d’uso a diverse funzioni, quali la residenza, i servizi, le attività terziarie, commerciali e artigianali.

IL GIAMBELLINO IERI

Questo slideshow richiede JavaScript.

IL GIAMBELLINO OGGI

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci